Condilomatosi anale - SITO INFORMATIVO DEL DOTT. MASSIMO CAPOROSSI

!--Start of Zopim Live Chat Script-->
CASTELLI.IT
  PROCTO
Vai ai contenuti

Menu principale:

Condilomatosi anale

Proctologia > Patologie

CONDILOMATOSI ANALE


I condilomi sono, tra quelle sessualmente trasmesse, le lesioni anali più comuni negli adulti. Sono il risultato di una infezione da papillomavirus umano (HPV), sottotipi 6,11,16, 18. Il sottotipo 6 è il più comune, mentre i sottotipi 16 e 18 sono i più aggressivi e sono più frequentemente associati a displasia e degenerazione maligna. Il 90% circa dei pazienti è di sesso maschile e di questi il 70% circa è omosessuale. Nelle donne si associano spesso (80% dei casi) delle lesioni a carico di genitali esterni, vagina e cervice uterina; negli uomini si possono individuare impianti penieni.  
Molti pazienti senza lesioni visibili sono asintomatici. Nel 10% dei casi si individuano solo lesioni endoanali.

SINTOMI


I sintomi includono il prurito anale, il sanguinamento, perdite anali, sensazione di ano bagnato e dolore anale. Pochi pazienti lamentano una massa. Il condiloma è una lesione benigna che appare come una escrescenza di colore bianco-rosato sotto forma di formazioni singole (dette "creste di gallo") o confluenti, fino a grandi tumori (Tumore di Buschke-Lowenstein) (Vedi immagini nella sezione "galleria"). Quest'ultima forma di presentazione è tipica dei malati di AIDS.

DIAGNOSI


Il successo della terapia risiede nella completa eradicazione delle lesioni. Quindi è importante la valutazione endoanale con l'anoscopia e l'ispezione di vagina e pene alla ricerca di impianti secondari rispetto a quelli visibili o dichiarati dal paziente.

TERAPIA


Nel tempo sono stati proposti diversi tipi di terapie: escissione; distruzione con agenti chimici, cauterizzazione, congelamento o laser, etc; immunoterapia e altre sostanze. Tuttavia malgrado l'evoluzione dei mezzi a disposizione rimangono ancora alti i tassi di recidiva.
L'escissione chirurgica consiste nella asportazione completa delle lesioni condilomatose. Garantisce una minore percentuale di recidive.
La podofillina è una resina citotossica sui condilomi e irritante sulla cute sana e sulle mucose. Si applica settimanalmente per alcune settimane.  
L'acido bicloroacetico si applica come la podofillina ma con minori effetti collaterali.
La diatermocoagulazione, il laser e la crioterapia ottengono tutte, con diverse forme di energia, la distruzione dei condilomi. Si producono estese ferite, dolorose e secernenti, che guariscono per seconda intenzione.  
L'immunoterapia che sfrutta la preparazione di un vaccino autologo, o l'uso di un farmaco antivirale come l'interferone, vengono inoculati ripetutamente fino alla riduzione o scomparsa dei condilomi. Può essere la terapia di scelta per lesioni molto estese, persistenti o ricorrenti.


 
Bookmark and Share
Torna ai contenuti | Torna al menu