Stipsi - SITO INFORMATIVO DEL DOTT. MASSIMO CAPOROSSI

!--Start of Zopim Live Chat Script-->
CASTELLI.IT
  PROCTO
Vai ai contenuti

Menu principale:

Stipsi

Chiedi al Medico

Mia madre, di 83 anni, ha da circa 7/8 anni distrubi del colon riferibili ad episodi subocclusivi. Durante questo periodo i controlli fatti, clisma opaco e due tac eseguite in corso di due ricoveri intercorrenti, hanno evidenziato soltanto la presenza di una diverticolosi. Ciò che é mutato in questo ultimo periodo sono gli episodi molto più ravvicinati come frequenza. Mia madre si muove molto poco, soffre di stipsi e fa uso da tempo di sciroppi e tisane lassative, ha constantemente abbondantissimo meteorismo che improvvisamente si interrompe e provoca forti dolori colici e conseguenti riflessi gastrici con reflussi acidi; poi con infusioni di liquidi, con antispastici lentamente si ricanalizza riprende ad emettere aria e la sintomatologia regredisce. Non riesco a capire cosa possa improvvisamente provocare questa interruzione dell'alvo se qualche intolleranza alimentare, se qualche carenza enzimatica o altro. Spero possa darmi qualche indicazione operativa, mi scuso se mi sono dilungata.

Risposta: E' chiaro che la sola malattia diverticolare del colon non può giustificare questi episodi di sub-occlusione. Potrebbero essere implicati fenomeni spastici dovuti anche a fenomeni infiammatori. Credo che sia il caso di integrare la terapia che stà sicuramente seguendo con antiinfiammatori intestinali,  antibiotici intestinali e fermenti lattici.

Accusavo problemi di stipsi severa e leggero sanguinamento del retto.
Ho fatto come prescritto la terapia con Movicol e con Oppio gocce.
Purtroppo ho notato che il Movicol comportava diarrea e ho sospeso dopo 10 giorni. Per fortuna ha fatto il suo effetto e sono riuscita ad evacuare tutti i giorni. Farò presto come da Lei consigliato la colonscopia.
Le scrivo per sapere da Lei cosa ne pensa della Idocolon Terapia e se Lei la consiglia. La prego di scrivermi al più presto

Risposta: Visto il buon risultato continuerei sicuramente con Opium. Per quanto riguarda la idrocolonterapia non ho esperienza diretta ma so che risulta efficace nelle forme di stipsi cronica. Nel suo caso non credo si possa parlare di stipsi cronica, per tanto al momento non la consiglio.

Gent. dott. sono la mamma di un ragazzo di 23 anni e le scrivo perchè sono davvero disperata. Sono ormai quasi 9 mesi che sto girando ospedali con mio filglio e non sono ancora riusciti ad aiutarlo. Tutto è iniziato quando dopo la laurea di agosto....premetto che mio figlio è alto 1.86 e pesava 74 kg. faceva anche molto sport ...correva anche dai 10 ai 15 km al giorno.....palestra...insomma molta ginnastica...in effetti non mangiava, per me , sufficientemente per quello che faceva...ma lui stava benissimo. A marzo sempre dello scorso anno ha avuto un herpes zoster che prendeva gran parte dell'ascella e scendeva vicino all'ombelico...curata dal mio medico curante se ne è andata dopo poco tempo... ad agosto comincia una leggera stipsi che a poco poco diventa sempre più ostinata. cominciano i primi dolori addominali e così dopo visita dal gastroenterologo viene ricoverato nell'ospedale di crema....vi rimane per 15 giorni....gli fanno tutti gli esami dalla gastroscopia alla rettoscopia...clisma opaco...transito intestinale...numerose risonanze..ma non risulta niente....dimesso senza una diagnosi ....poi ricovero presso il policlinico di milano e anche li stessi esami....dimesso senza diagnosi...non ha niente....e mio figlio sta male...non riesce più a mangiare perchè dice che gli si ferma tutto alla bocca dello stomaco...a questo punto lo portiamo da un neurologo che prima lo ricovera al san raffaele....senza risultati e poi gli fa fare tantissimi esami...risonanze all'encefalo con e senza contrasto...esami del sangue molto particolari ..tac total body...e senza risultati....adesso mio figlio è ricoverato a bologna all'ospedale sant'orsola...indirizzato in questo, dicono, miglior centro, per quanto riguarda l'intestino....per poi passare alla clinica neurologica sempre di bologna perchè non riesce più a defecare da tantissimo tempo...Mi è stato detto che tutti i danni subiti ai nervi dovrebbero essere stati causati dall'herpes che avrebbe lavorato internamente sui nervi..ma gli esami che dovrebbero diagnosticare tale problema non possono essere fatti prima di pulirlo completamente internamente da questi fecalomi che ormai sono diventate pietre.... lo nutrono con le flebo...e gli stanno dando tantissimo lassativo...sotto tutte le forme perchè ha dei fecalomi fermi che non riesce a espellere e con questi impedimenti non riescono a fargli nessun tipo di esame. mio figlio è distrutto ....la sensibilità davanti lungo lo stomaco non la sente più...sente lo stimolo di evacuare....ma l'ano non sia apre....la manometria anorettale ha fatto vedere che non ha più stimoli....il palloncino non è riuscito ad espellerlo... cosa possiamo fare??? per farlo defecare.....???

Risposta: Mi sembra quasi inverosimile che con lassativi e clisteri non si possa sbloccare l'intestino di suo figlio. Ad ogni modo qui la diagnosi risulta complicata. L'unico dato certo è che non c'è alcuna patologia organica sia a livello addominale che cerebrale. Quindi siamo di fronte ad un problema funzionale probabilmente indotto dall'infezione virale ma che molto probabilmente già covava in precedenza. Mi verrebbe da pensare ad una malattia di Hirshsprung con riduzione dei gangli nervosi intestinali, in particolare rettali, che potrebbe essere diagnosticata o esclusa con macro-biopsie del retto e relativo esame istologico. Per il resto mi sembra che sia stato fatto tutto il necessario. Tra l'altro il centro di Bologna è effettivamente un ottimo centro dove sapranno senz'altro aiutarla.

Dolicocolon e dolicosigma. Colon squilibrato da 10 anni di selg e lattulosio Atonia colica, non riesco piu' ad evacuare neanche con i clisteri. Pregasi consiglio. Operazione chirurgica a rischio. Alternative.... .

Risposta: Per diagnosticare il suo dolicocolon sicuramente avrà effettuato un Rx clisma opaco. Sarebbe necessario eseguire un Rx tempi di transito intestinale per individuare esattamente quale tratto colico è atonico. In quel caso può essere indicata una resezione del colon interessato. Se poi si vuole tentare qualche alternativa, è possibile un trattamento con fibre, fermenti lattici e dieta appropriata. Oppure si potrebbe ricorrere all'organoterapia con COLON fiale 4 CH per due mesi.

E' un mese che ho problemi di defecazione: quando vado appunto a defecare causa contrazione inversa dei muscoli dell'ano avverto un male tremedo. Mi sono rivolto a un chirurgo seguendo alla lettera i suoi accorgimenti terapeutici. Il problema era scomparso, poi è sovraggiunto nuovamente. Volevo sottolineare che penso sia un problema legato anche allo stato di stress - psicologico.

Risposta: Che lo stress abbia un ruolo sulle dissinergie pelviche è indubbio. Tuttavia prima di parlare di contrazione paradossa del pubo-rettale bisognerebbe effettuare una manometria anorettale per confermare il problema. Solo allora sarà possibile programmare una eventuale rieducazione dei muscoli del pavimento pelvico. Nel frattempo, visto che funziona, continui la cura prescritta.

Soffro di stitichezza e ho fatto tanto per curarmi da sola, leggendo: Idrocolonterapia, fibre, alimentazione con eliminazione cibi sfavorevoli, acqua, ho evitato lassativi perchè irritano intestino , ora faccio i clisteri con acqua bollita e olio oliva ed evacuo ogni 3 giorni. Se non eseguo clistere niente e mi viene la pancia gonfia. Il mio problema è che non so che tipo di stitichezza soffro: colon irritabile? muscoli rilassati? problemi psicologici? (sono in menopausa e sono di carattere ansioso ed irritabile). Ho 56 anni e dimostro 10 di meno per dirle che mi sento ancora giovane. Ultimamente studio l'intestino per stare bene e so che evacuare è importantisimo. Vorrei scoprire da cosa dipende la mia stipsi.

Risposta: Gentile Sig.ra , da quello che mi dice sembra che Lei abbia una stipsi da atonia colica oppure una forma di intestino irritabile. Dalla sua mail non si evince una patologia anorettale, quindi le consiglierei soprattutto una dieta adeguata (può consultare il sito tra i consigli dietetici) e poi degli accertamenti quali un rx dei tempi di transito intestinali e una colonscopia per escludere patologie di altra natura. E' chiaro che non si può prescindere da una visita medica. In ogni caso continui con le fibre e usi i clisteri solo in caso di feci dure e difficili da espellere.




Salve,  sono proprio disperata, vorrei chiederLe della cura della stipsi cronica da ostruita defecazione. Mi è stato richiesta una riabilitazione biofeedback, può essere utilizzato il botulino?

Risposta: Gentile Sig.ra, se le hanno consigliato un BFB vuol dire che Lei ha effettuato una manometria anorettale e una defecografia e si è evidenziato un disturbo dei suoi muscoli anali.
Se è così un trattamento con botulino può essere preso in considerazione ma solo dopo la rieducazione. Tenga presente che la defecazione ostruita può avere molte cause quindi prima di intraprendere un percorso terapeutico bisogna essere certi della diagnosi.

 
 
Bookmark and Share
Torna ai contenuti | Torna al menu